Lo Stress da Lavoro nell’Era Digitale: cos’è e come si può imparare a gestirlo

Stress da lavoro

Come si può imparare a gestire lo Stress da lavoro? In un Mondo Digitale in cui Web e Social Media non dormono mai e si è facilmente vittime di un’overload di informazioni, è sempre più facile cadere in una condizione di Stress da lavoro, una iperattività che alcuni di noi prediligono, ma che per la maggior parte delle persone risulta immobilizzante e, soprattutto, controproducente dal punto di vista della creatività e dell’innovazione.

Essere in grado di gestire lo Stress da lavoro è una delle “Soft Skills” più rilevanti, in particolare nell’Era Digitale, poiché Web e Social Media non dormono mai, e facilmente producono quell’overload d’informazioni che rende indispensabile rimanere costantemente connessi alla Rete. Il risultato inevitabile è quello di cadere nella trappola del Sovraccarico Cognitivo, a causa del quale l’individuo stesso perde creatività, inventiva e concentrazione, nonché addirittura la capacità di prendere decisioni. Read more

I Soldi rendono felici solo se regalano Tempo per sé stessi

Soldi-felicità-tempo libero

I Soldi comprano la Felicità? Una nuova ricerca svela una correlazione nuova tra soldi e benessere, che è data dalla possibilità di riappropriarsi del Tempo libero. Proprio perché nell’assillo odierno – in particolar modo nell’Era Digitale – la corsa quotidiana ha reso il Tempo l’unico vero lusso.

Che i Soldi regalino la Felicità ce lo chiediamo da sempre. Una nuova ricerca dell’Harvard Business School rivela, tuttavia, una variabile nuova nella correlazione tra denaro e benessere, quella del Tempo. Lavoriamo e comunichiamo sul Web a qualsiasi ora, finendo per mangiare quando si può, addormentandoci quando si riesce e correndo sempre. Con la macchina, a piedi, su e giù da un treno, sempre in ritardo e sempre a combattere per qualche minuto in più. Le scadenze del nostro lavoro non ci permettono di rilassarci e anche nei fine settimana – sempre che esistano ancora un sabato e una domenica – siamo costantemente a testa china a controllare almeno le email. Read more

Tornare al Lavoro: la Sindrome da Rientro nell’Era Digitale

Tornare al Lavoro dopo le vacanze

Tornare al Lavoro: La Sindrome da Rientro consiste in una serie di disturbi fisici e psicologici realmente riconosciuta dalla medicina attuale. Nell’Era Digitale, in cui i tempi di lavoro sono ancora più frenetici, un italiano su due soffre di questo malessere da non sottovalutare. Ecco i rimedi per ricominciare senza traumi.

Siamo partiti per le ferie – sempre che di ferie se ne siano fatte veramente – con l’aspettativa di rientrare avendo fatto il pieno di energia, forza fisica e mentale, riposo, nuove esperienze. Tutti presupposti per tornare al lavoro a pieno regime senza difficoltà. Di più: moltissimi progetti iniziati con l’estate sono stati proprio rimandati a settembre, mese che per molti è più significativo di gennaio per iniziare l’anno. Read more

Per un buona Memoria, ricordati di Dimenticare! La Scienza indaga l’Oblio

Dimenticare fa veramente bene

Dimenticare fa bene al cervello. Sembra un controsenso, ma le ricerche scientifiche rivelano come la nostra memoria possa aumentare e diventare molto più funzionale se ci ricordiamo di dimenticare. Analizziamo meglio il fenomeno, soprattutto nell’Era Digitale dove l’overload di informazioni è senza sosta.

E’ un periodo in cui ti accorgi di perdere tutto?
Una volta sono le chiavi di casa – che regolarmente ritrovi dove sono sempre state -, una volta è il PIN del bancomat, poi addirittura non ricordi bene dove hai parcheggiato l’ultima volta. E le mille password che hai usato per tua sicurezza dimenticandoti di scriverle, pensando che tanto, quelle, come si fa a dimenticarle. E com’è che si chiama quel tipo che hai incontrato per strada? Lo conosci da sempre e non ti viene il nome. Ce l’hai proprio sulla punta della lingua. Ecco, sarà la stanchezza. Read more

L’Abuso dell’Intrattenimento tra le Nuove Dipendenze Digitali

abuso da intrattenimento

Per Binge Watching si intende l’abuso irrefrenabile a rimanere incollati davanti a serie televisive, perdendo il senso del tempo e spesso delle relazioni umane. Oggi l’abuso dell’intrattenimento rientra nelle Nuove Dipendenze create dalla Tecnologia Digitale, poiché esistono piattaforme online su cui le serie TV sono una in seguito all’altra. Cos’è, tuttavia, una Dipendenza? E perché Internet non ne è la causa?

Mi sono trovata nella sgradevolissima sensazione di aver visto tutte le puntate della mia serie televisiva preferita, e no: non vi dirò mai qual è. Poi con un po’ di pazienza, dopo diversi tentativi su Youtube e Netflix, mi sono lentamente affezionata ad una serie differente. E l’emozione è stata quella di sentirmi protetta.

Protetta? mi sono chiesta. Sì perché potevo pensare che dopo il lavoro mi sarei svagata senza delusioni. E senza esserne cosciente, ecco che era già nata una piccola grande Dipendenza. Read more

La Gestione delle Emozioni nell’Era Digitale e sui Social Network

Emozioni nell'Era Digitale e sui Social Network

Riconoscere, comprendere e accettare le Emozioni che proviamo è il primo passo per poterle Gestire. E questa competenza è particolarmente importante nell’Era Digitale, dove la comunicazione virtuale lascia ampio campo a differenti interpretazioni.
Gestire le Emozioni permette di instaurare Relazioni di fiducia e coerenza: la bella notizia è che si può imparare a farlo.

Incomincio da una tesi, una specie di assioma dell’Intelligenza Emotiva: diamo un Significato alla comunicazione e alle esperienze che viviamo in base alle Emozioni che proviamo in quel preciso momento.
Perfino in base agli Stati d’Animo, che – rispetto alle Emozioni – sono molto più vulnerabili e repentini.

Come districarsi, quindi, nella Comunicazione Digitale e, in particolar modo, sulle piattaforme dei Social Network, dove le Emozioni sono ridotte per lo più a Emoticons e possiamo facilmente non comprendere il senso di quanto leggiamo? Read more

La Popolarità allunga la Vita, anche nell’Era Digitale

popolarità-longevità

Lo dice la scienza, dalla biologia alla genetica: chi possiede una forte rete di conoscenze ha il 50% in più di probabilità di vivere a lungo, percentuale che sale fino al 91% se le relazioni sono di buona qualità. Cerchiamo di comprenderne il punto di vista psicologico, soprattutto nel mondo odierno fatto di prestigio sui Social Network.

Certamente affermare che la popolarità allunga la durata della vita ha un significato antropologico che risale ai tempi più lontani.
Avere un numero ampio di persone intorno a sé ha permesso, prima di tutto, la sopravvivenza fisica stessa e il perpetuarsi della specie umana. Read more